Global Risks Report 2020: le più grandi minacce per l’umanità sono ambientali

La crisi climatica e ambientale oggi preoccupa più dei conflitti e delle armi di distruzione di massa.

A pochi giorni dal vertice annuale del World Economic Forum (WEF) che si terrà a Davos, in Svizzera, il Global Risks Report 2020 ha annunciato per la prima volta che le 5 peggiori minacce per l’umanità sono ambientali. Più delle crisi economiche, dei conflitti nazionali e internazionali, persino delle armi di distruzione di massa, a preoccupare davvero è la crisi climatica e ambientale.

Il rapporto si basa su un’indagine condotta tra oltre 750 esperti e decisori politici in tutto il mondo, i quali hanno classificato i rischi globali più temuti in termini di probabilità e impatto. Ne è risultato che le tematiche ai primi posti finora sono state scavalcate dalle catastrofi di tipo ambientale. A preoccupare maggiormente sono gli eventi meteorologici estremi, le catastrofi naturali – tsunami, eruzioni vulcaniche, terremoti, tempeste geomagnetiche, l’estinzione animale e il collasso dell’ecosistema, l’inquinamento e i disastri causati dall’uomo – deforestazione, contaminazione radioattiva, reati ambientali.

Secondo il rapporto del WEF, i rischi globali maggiori sono legati a:
(1) fenomeni meteorologici estremi; (2) fallimento dell’azione per il clima; (3) catastrofi naturali; (4) perdita della biodiversità; (5) disastri ambientali causati dall’uomo.

La turbolenza geopolitica ci sta spingendo verso un mondo unilaterale “instabile” di grandi rivalità di potere, in un momento in cui i business leader e i leader governativi devono concentrarsi urgentemente sulla collaborazione per affrontare i rischi condivisi”, evidenzia il rapporto. Sarebbe catastrofico se insieme all’aumento dei conflitti e al rallentamento dell’economia previsti dovessimo affrontare la perdita di biodiversità e il declino delle specie. In tal senso, i responsabili politici devono “mettere insieme gli obiettivi per la protezione della Terra insieme a quelli per il rilancio delle economie”.

Le opportunità per promuovere l’impegno globale e agire concretamente non mancano, sottolinea il rapporto, ma la situazione è piuttosto complicata. Le divergenze politiche nazionali e internazionali giocano un ruolo fondamentale nella lotta alla crisi climatica e ambientale, poiché soltanto la collaborazione è in grado di fare da motore per un’azione concreta. L’aumento delle divisioni non può che gravare sul quadro già allarmante.

Peter Giger del Zurich Insurance Group spiega: “gli ecosistemi biologicamente diversi catturano enormi quantità di carbonio e offrono enormi benefici economici stimati in 33 trilioni di dollari l’anno, l’equivalente del Pil degli Stati Uniti e della Cina messi insieme”. È fondamentale quindi un passaggio più rapido alla transizione energetica, alle rinnovabili, a modelli economici e di mercato più sostenibili e a basse emissioni di carbonio, perché questo è “l’unico punto di contatto tra le esigenze dei singoli governi e le priorità del nostro Pianeta”.

Articolo di Erika del 20 Gennaio 2020 alle ore 16:17

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 27 Febbraio
Le più Calde
Località T°C
Vibo Valentia 10°
Lodi 10°
Torino 10°
Isernia 10°
Perugia
Udine
Milano
Brescia
Rieti
Cosenza
Le più Fredde
Località T°C
Avellino 10°
Viterbo 10°
Arezzo 10°
Matera 10°
Trieste 10°
Cuneo 10°
Siena 10°
Macerata 11°
Vicenza 11°
Novara 11°
Domani Venerdi 28 Febbraio
Le più Calde
Località T°C
Gorizia 10°
Belluno 10°
Sondrio
Aosta
Siracusa 20°
Catania 18°
Latina 17°
Pistoia 17°
Palermo 17°
Caserta 17°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 10°
Bolzano 10°
Trieste 11°
Udine 11°
Cosenza 11°
Potenza 11°
Ancona 11°
Campobasso 11°
Trento 11°
Biella 12°