Forte “libecciata” in arrivo sulle coste Tirreniche, mari fino a forza 10

Il peggioramento che vi abbiamo preannunciato ormai da giorni sta per fare il suo ingresso dalla vallate Francesi sul Mediterraneo. Oltre al calo di temperature e alle piogge, l’approfondimento del minimo di pressione sarà accompagnato da forti venti, che spireranno dai quadranti Sud-Occidentali sulle coste Tirreniche. Prima di analizzare la situazione ed i rischi che ne conseguono, cerchiamo di capire il perché della comparsa di questo vento, che è da sempre sinonimo di giornate burrascose, tanto che il termine “Libecciata” significa esattamente “mareggiata di Libeccio”.

La causa va ricercata molto lontano, in particolare nella profonda saccatura , della quale abbiamo già parlato nei precedenti articoli, che ha messo in moto una vera e propria circolazione a grande scala avente come perno proprio il centro Europa. Le masse d’aria sono costrette ad attraversare Germania e Francia (frecce rosse in figura) fino a sfociare nel Mediterraneo dalle valli che si trovano tra Pirenei ed Alpi.

Vento a 10m e pressione al suolo previsti sul Centro Europa.

Vento a 10m e pressione al suolo previsti sul Centro Europa.

Come l’acqua di un fiume, che accelera se costretta a passare in un canale più stretto,  l’aria (che è un fluido a tutti gli effetti come l’acqua!) deve necessariamente accelerare, trovandosi tra due catene montuose relativamente vicine. L’interazione con la catena Alpina da luogo alla formazione di un centro di bassa pressione, ovvero una zona dove viene attirata aria circostante. L’unica possibilità che ha il flusso in discesa dalla Francia consiste nel sfiorare la parte occidentale delle Alpi, creando venti molto sostenuti che seguono le isobare (linee bianche di egual pressione nella figura seguente) più fitte proprio nelle zone di maggior accelerazione.

Pressione al suolo e geopotenziali a 500 hPa previsti per le 12 di Martedì

Pressione al suolo e geopotenziali a 500 hPa previsti per le 12 di Martedì

Il vento è costretto poi a ruotare, seguendo le isobare, e assumendo la direttrice Sud-Occidentale caratteristica dei venti di Libeccio sul versante Tirrenico, come mostrato nella carta dei venti previsti dal modello MOLOCH.

Venti al suolo previsti per il pomeriggio di Martedì

Venti al suolo previsti per il pomeriggio di Martedì dal modello MOLOCH del CNR di Bologna.

Ma veniamo alle note dolenti. Come era lecito aspettarsi, sono previsti forti venti a partire dal primo pomeriggio, con raffiche che potranno raggiungere anche i 50 nodi, ovvero i 90 km/h: nella scala Beaufort questi valori corrispondono ad un mare forza 10, ovvero Tempesta.

Raffiche massime previste per il pomeriggio di martedì dal modello del consorzio LaMMa.

Raffiche massime previste per il pomeriggio di martedì dal modello del consorzio LaMMa.

A scoraggiare anche i più indomiti lupi di mare contribuisce la mappa delle onde previste sempre nello stesso periodo: la grafica mostra valori che raggiungeranno i 6 metri di altezza, corrispondenti al livello 6-7 nella scala di Douglas.

swhz1_web_42

Altezza delle onde previste per il tardo pomeriggio di Martedì dal modello LaMMa.

La situazione dovrebbe migliorare progressivamente in serata, quando l’allontanamento del minimo favorirà una diminuzione dell’intensità dei venit. Vi raccomandiamo quindi di seguire gli aggiornamenti delle autorità di porto e di evitare le uscite, soprattutto sulle coste di Toscana, Liguria e Lazio.

 

Articolo di Guido Cioni del 07 Luglio 2014 alle ore 21:58

Altri articoli di approfondimento

Rimonta l’anticiclone nord-africano nel weekend: più sole, temperature su, ma anche temporali!

Inizio settimana con vortice maltempo e più fresco: a quando il ritorno di caldo e bel tempo?

Why You Should Be Mindful Buying That casino real money

Dating Track Record Verify – Four Guidelines For The First On-Line Date

How can an Installment Loan Amortization Schedule Work?

5 modi per salvare la natura con l’editing genetico

Clima: come saranno le temperature delle città nel 2050?

Passaggio del vortice di maltempo porta anche calo termico: dove e quanto?

Scoperto il gene che permette alle piante di assorbire più CO2

Vortice depressionario lunedì e martedì sull’Italia: piogge e rovesci diffusi con netto calo termico!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 18 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 31°
Grosseto 31°
Terni 30°
Bologna 30°
Ferrara 30°
Matera 30°
Perugia 30°
Asti 30°
Roma 30°
Ravenna 30°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 23°
Savona 23°
Vibo Valentia 23°
Genova 24°
Messina 24°
Livorno 25°
Salerno 25°
Crotone 25°
Brindisi 25°
La Spezia 25°
Domani Venerdi 19 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 32°
Mantova 32°
Terni 32°
Bologna 31°
Modena 31°
Ferrara 31°
Grosseto 31°
Benevento 31°
Siena 31°
Parma 31°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 23°
Savona 24°
Genova 24°
Messina 25°
Belluno 25°
Livorno 25°
Cagliari 25°
Biella 25°
L'aquila 25°
Trapani 25°