Tempesta di sabbia investe Phoenix, aeroporto chiuso per ore

La prima tempesta di sabbia dell’estate ha colpito Phoenix Giovedì sera portando forti venti che hanno causato numerosi blackout e la cancellazione di molti voli.  Tutto il traffico in entrata e in uscita all’aeroporto di Sky Harbor è stato fermato tra le 20 e le 21 di ieri, come riferito dal portavoce dell’aeroporto Julie Rodriguez. Le operazioni sono riprese a partire dalle 20:45, ma non prima che 24 voli in arrivo fossero stati dirottati verso altri aeroporti. Inoltre la polvere che ha avvolto la città ha causato ingorghi dovuti alla scarsa visibilità, venti forti, con raffiche fino a 80 km/h,  che hanno abbattuto numerosi alberi e linee elettriche.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all'autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all’autore della foto.

Il vento e la polvere sono stati seguiti dalla pioggia:  Surprise, Sun City e Peoria hanno visto cadere circa 25 millimetri di pioggia in un’ora. Tuttavia, solo una traccia di pioggia è stata ufficialmente segnalata a Phoenix Sky Harbor Giovedì notte, quantitativo che non è bastato a dichiarare finito il periodo senza precipitazioni iniziato il 2 Marzo scorso.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all'autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all’autore della foto.

Molti fulmini hanno illuminato il cielo notturno e hanno causato la nascita di due incendi in un complesso industriale nella zona ovest di Phoenix. Le fiamme sono state alimentate dai venti che soffiavano in quella zona proprio a causa del passaggio della tempesta.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all'autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all’autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all'autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all’autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all'autore della foto.

Tempesta di sabbia su Phoenix, 3 luglio 2014. Tutti i diritti riservati all’autore della foto.

Queste tempeste non sono rare nei deserti del Medio Oriente o dell’Africa, ma spesso possono verificarsi anche in zone sufficientemente aride. L’innesco è costituito da un forte vento al suolo, solitamente associato col passaggio di un fronte temporalesco, che solleva le particelle più leggere di sabbia o polvere. Nel suo movimento, il fronte trascina con se i granelli di polvere, che vengono sostenuti dai forti venti negli strati medio-bassi. Nonostante le particelle più grandi associate a queste tempeste possano percorrere solo pochi chilometri, non è raro che alcuni nuclei più piccoli riescano ad attraversare l’oceano Atlantico, dalle coste dell’Africa, fino ad arrivare sulla East Coast. Ovviamente non è questo il caso delle tempeste di sabbia come questa, che rimangono fenomeni altamente imprevedibili, anche se i pericoli diretti per l’uomo sono molto limitati rispetto ad altri fenomeni naturali.

Articolo di Guido Cioni del 04 Luglio 2014 alle ore 19:42

Altri articoli di approfondimento

Rimonta l’anticiclone nord-africano nel weekend: più sole, temperature su, ma anche temporali!

Inizio settimana con vortice maltempo e più fresco: a quando il ritorno di caldo e bel tempo?

5 modi per salvare la natura con l’editing genetico

Clima: come saranno le temperature delle città nel 2050?

Passaggio del vortice di maltempo porta anche calo termico: dove e quanto?

Scoperto il gene che permette alle piante di assorbire più CO2

Vortice depressionario lunedì e martedì sull’Italia: piogge e rovesci diffusi con netto calo termico!

Nel 2100 potrebbero non nascere più maschi di tartarughe marine

Nepal, 43 vittime a causa delle forti inondazioni

Tromba d’aria sul litorale casertano, in Campania: si segnalano feriti e danni!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 18 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 31°
Grosseto 31°
Terni 30°
Bologna 30°
Ferrara 30°
Matera 30°
Perugia 30°
Asti 30°
Roma 30°
Ravenna 30°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 23°
Savona 23°
Vibo Valentia 23°
Genova 24°
Messina 24°
Livorno 25°
Salerno 25°
Crotone 25°
Brindisi 25°
La Spezia 25°
Domani Venerdi 19 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 32°
Mantova 32°
Terni 32°
Bologna 31°
Modena 31°
Ferrara 31°
Grosseto 31°
Benevento 31°
Siena 31°
Parma 31°
Le più Fredde
Località T°C
Vibo Valentia 23°
Savona 24°
Genova 24°
Messina 25°
Belluno 25°
Livorno 25°
Cagliari 25°
Biella 25°
L'aquila 25°
Trapani 25°