Neve dove sei? Europa divisa dalle nevicate delle ultime settimane

Le nevicate sembrano aver evitato fino ad ora l’Europa occidentale e specialmente i versanti meridionali delle Alpi. Persino in Grecia e Turchia ha nevicato più che in zone che in questo periodo dovrebbero essere coperte da neve. Ma qual è la configurazione meteorologica che ha portato a questa situazione cosiì anomala per il nostro continente? 

I nostri lettori del centro-sud potranno confermare come l’ultima settimana sia risultata eccezionalmente fredda e nevosa per molte zone, a partire dalle coste pugliesi. La situazione in realtà risulta anomala per gran parte dell’Europa occidentale che continua ad essere colpita da un periodo eccezionalmente caldo e secco. Lo dimostra la figura sottostante dove è rappresentata la copertura nevosa (colorazioni bianche) misurata lo scorso 9 gennaio 2019.

Copertura nevosa in Europa

Copertura nevosa in Europa

È immediato notare come attualmente tutta l’Europa occidentale sia priva di copertura nevosa mentre paesi come Grecia, Turchia e Cipro (!) abbiano visto nevicate di notevole portata. In effetti considerando le statistiche individuali di alcuni paesi, come la Grecia nell’esempio che vi proponiamo qui sotto, la differenza rispetto al valore atteso per questo periodo è abissale. Nell’immagine sottostante la linea blu rappresenta la percentuale del paese coperto da neve media tra il 2004 ed il 2018 mentre quella rossa rappresenta quella osservata durante l’anno in corso: al momento vi è una differenza di circa 40 punti percentuale.

Copertura nevosa in Grecia

Copertura nevosa in Grecia

Viceversa, se si considera la situazione in Italia la situazione è molto più contenuta con valori che risultano in linea con la media. Tutto questo grazie alle eccezionali nevicate avvenute al centro-sud visto che i versanti meridionali delle Alpi risultano ancora estremamente poveri di neve. 

Copertura nevosa in Italia

Copertura nevosa in Italia

Cosa ha causato questa enorme differenza sul nostro continente?

La risposta è da ricercarsi nella circolazione atmosferica che ha prevalso in questo periodo. Come mostrato dall’immagine sottostante, dove è riportata l’intensità e la direzione dei venti a circa 10 km di altezza, l’area di alta pressione che solitamente staziona sulle Azzorre è spostata verso nord, causando una deviazione delle perturbazioni e dell’aria mite atlantica verso i paesi scandinavi. Sull’Europa orientale le condizioni si invertono e la presenza di basse pressioni consente all’immenso serbatoio di aria fredda russo di muoversi più liberamente verso sud, causando un calo di temperatura e nevicate a bassa quota.

Previsione del modello ICON riguardo ai venti a circa 10 km di altitudine

Previsione del modello ICON riguardo ai venti a circa 10 km di altitudine

Articolo di Guido Cioni del 10 Gennaio 2019 alle ore 16:14

Altri articoli di approfondimento e non solo...

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 14 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Savona
Como
Lecco
Novara
Vercelli
Trento
Varese
Belluno
Sondrio
Alessandria
Le più Fredde
Località T°C
Pavia 10°
Bergamo 10°
Milano 10°
Gorizia 11°
Piacenza 11°
Brescia 11°
Lodi 11°
Parma 11°
Cremona 11°
Modena 11°
Domani Venerdi 15 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Bergamo 10°
Lecco 10°
Vercelli 10°
Varese
Sondrio
Torino
Alessandria
Asti
Biella
Aosta
Le più Fredde
Località T°C
Bolzano 10°
Trento 10°
Como 10°
Piacenza 10°
Brescia 11°
Novara 11°
Milano 11°
Savona 11°
Lodi 11°
Cremona 11°