Nuova intensa perturbazione, nuovi forti rovesci e temporali : non c’è tregua per l’Italia!

Nemmeno il tempo di tirare il fiato dalla drammatica ondata di maltempo di domenica e lunedì che ecco sopraggiungere una nuova intensa perturbazione atlantica : Ognissanti e Commemorazione dei Defunti all’insegna del maltempo anche marcato sull’Italia, segnatamente al nord e regioni tirreniche. Attesi nuovi forti rovesci temporaleschi e locali nubifragi.

Per l’Italia non c’è il tempo nemmeno di “leccarsi le ferite” e piangere i suoi 12 morti per la drammatica ondata di maltempo di domenica e lunedì. Purtroppo nelle prossime ore è previsto un nuovo marcato peggioramento che andrà a provocare nuovi forti piogge, rovesci temporaleschi e locali nubifragi proprio nelle giornate festive di Ognissanti e Commemorazione dei Defunti (1 e 2 Novembre).

GFS_GEOPOT.

Configurazione barica prevista per le le ore mattutine di giovedì 1 novembre. GFS – Meteociel -

I motivi sono da ricercare dalla seguente configurazione barica raffigurata a sinistra : l’alta pressione delle Azzorre in posizione bassa di latitudine e molto defilata ad ovest in Atlantico e la persistenza di un altro campo di alta pressione sull’Europa orientale, stanno mantenendo attivo un canale depressionario di natura nord-atlantica molto intenso che dall’Europa occidentale si dirige zonalmente verso l’Italia. Nelle prossime ore, difatti, sarà in ulteriore ingresso ed approfondimento una nuova forte perturbazione di origine nord-atlantica, proveniente dalla Penisola Iberica. Attualmente il tempo è già peggiorato al nord-ovest con piogge e rovesci sparsi, ma nelle prossime ore e domattina 1 novembre, ci sarà recrudescenza del maltempo. Ecco l’attuale posizione della forte perturbazione :

immagine_satellitare

Tempo già in peggioramento al nord-ovest con piogge sparse. Peggioramento nelle prossime ore

Nello specifico andiamo a visionare la tempistica, l’intensità e l’estensione delle precipitazioni previste per le giornate del 1 e 2 novembre :

accumuli_pluviometrici_lamma

Accumuli pluviometrici nelle 24 ore di giovedì 1 novembre. Fonte : ARW 12 km (GFS) – Lamma Toscana -

accumuli_pluviometrici_lamma

Accumuli pluviometrici nelle 24 ore di venerdì 2 novembre. Fonte : ARW 12 km (GFS) – Lamma Toscana -

     La prima cartina allegata mostra l’accumulo pluviometrico atteso nelle 24 ore di domani, giovedì 1 novembre. Al nord notiamo accumuli elevati su Piemonte, Ponente Ligure, Lombardia orientale, Trentino occidentale e sul Friuli occidentale con forti piogge e rovesci temporaleschi già presenti dal mattino presto. Localmente si avranno fenomeni di forte intensità con rischio di nubifragi. L’accumulo pluviometrico, su tali zone, potrà superare anche i 60-70 mm nelle 24 ore. Per il nord-ovest i fenomeni si avranno segnatamente nelle ore notturne e al mattino, mentre sui settori centrali e al nord-est il maltempo si concentrerà soprattutto nella seconda parte della giornata e fino al pomeriggio incluso. Verso sera si assisterà ad un generale miglioramento con cessazione di precipitazioni significative. Limite delle nevicate sulle Alpi tra i 1500 mt dei settori occidentali e i 2000 mt di quelle orientali. Scendendo più a sud il maltempo colpirà anche Emilia e Toscana settentrionale con piogge e rovesci temporaleschi, più diffusi e forti nelle ore notturne e in mattinata. Attesi accumuli pluviometrici localmente fino a 40-50 mm. Per quanto riguarda il centro Italia un’area particolarmente colpita, anche su scala nazionale, risulterà  essere il Lazio, il Molise occidentale e la Campania nord-occidentale : sin dalle prime ore del mattino, a cominciare dal Lazio ed almeno fino al tardo pomeriggio, imperverseranno piogge e rovesci temporaleschi, anche di forte intensità e localmente sotto forma di nubifragi. Accumuli pluviometrici elevati, localmente anche molto elevati con la possibilità di arrivare fino a 100-120 mm. Maltempo anche su Umbria, Marche, Abruzzo occidentale, Campania centro-meridionale, Sicilia e tra Basilicata sud-occidentale e Calabria settentrionale, con accumuli pluviometrici anche fino a 50-60 mm. Fenomeni più deboli e sporadici su Basilicata centro-orientale, Puglia centro-meridionale, Sardegna. Temporaneo miglioramento ovunque da nord a sud nel corso della serata, con cessazione di precipitazioni significative.

-        La seconda cartina allegata mostra l’accumulo pluviometrico atteso nelle 24 ore di venerdì 2 novembre. Notiamo che il tempo tenderà nuovamente a peggiorare al centro-sud con nuovi rovesci localmente anche forti su Sicilia occidentale, Sardegna, Lazio, Umbria, Marche con accumuli pluviometrici localmente anche fino a 60-70 mm. Maltempo anche su Campania settentrionale, Molise, Abruzzo, Toscana meridionale con piogge e rovesci moderati, a tratti forti. Accumuli pluviometrici fino a 20-30 mm. Assenza di fenomeni su Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia orientale. Le precipitazioni, nel corso della giornata, risulteranno in risalita verso nord, difatti in serata qualche pioggia sarà nuovamente possibile tra Emilia-Romagna e basso Veneto. Precipitazioni di debole-moderata intensità saranno possibili al mattino anche su Piemonte, Liguria e Lombardia occidentale.

Sarà una fase di maltempo abbastanza forte ma non come quella drammatica di sabato, domenica e lunedì, è anche vero però che sarà da mettere in conto il fatto che il territorio è già molto stressato e l’arrivo di un nuovo quantitativo di acqua, anche abbastanza elevato, potrebbe essere deleterio per gli equilibri idrogeologici di quelle zone già martoriate e messe a dura prova nelle giornate di sabato, domenica e lunedì. Ci sarà da prestare attenzione e seguire tutte le disposizioni degli enti preposti e della Protezione Civile che ha emesso nuovi bollettini di allerta meteo per la giornata di domani 1 novembre per diverse regioni.

Articolo di Alberto Fucci del 31 Ottobre 2018 alle ore 16:13

Altri articoli di approfondimento

Lungo weekend pasquale inizia bene con sole e caldo, ma resisterà fino a Pasquetta?

Analisi meteo medio termine: weekend di Pasqua molto mite e soleggiato, peggiora a Pasquetta?

Aggiornamento Pasqua e Pasquetta: dura lotta tra vortice maltempo e stabilità!

Primavera in gran spolvero, salgono le temperature in Europa ed in Italia

L’inquinamento marino da plastica costa 2.500 miliardi di dollari all’anno

Gelate tardive in Europa: vitigni a rischio

Tendenza meteo Pasqua e Pasquetta: Italia divisa tra bel tempo e vortice, cosa accadrà?

Inondazioni devastanti in Iran, 77 morti e oltre 200.000 sfollati

Ultime ore instabili con temporali: in settimana rimonta l’anticiclone!

Ondata di freddo su Europa settentrionale e centrale, domenica instabile e più fredda anche sull’Italia!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 19 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Pisa 22°
Oristano 22°
Firenze 22°
Lucca 22°
Caserta 22°
Grosseto 22°
Terni 22°
Pistoia 22°
Sassari 21°
Prato 21°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 14°
Ancona 14°
Potenza 14°
Enna 14°
Messina 15°
L'aquila 15°
Campobasso 16°
Crotone 16°
Nuoro 16°
Sondrio 16°
Domani Sabato 20 Aprile
Le più Calde
Località T°C
Firenze 23°
Terni 23°
Lucca 23°
Pisa 23°
Caserta 23°
Pistoia 23°
Prato 23°
Pordenone 23°
Gorizia 22°
Mantova 22°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 14°
Enna 14°
Ancona 15°
Messina 15°
Nuoro 15°
Potenza 16°
L'aquila 16°
Campobasso 16°
Cagliari 16°
Catania 16°