Meteo Amarcord : L’ondata di GELO e NEVE del 7-8 Aprile 2003

Ripercorriamo una delle ondate di gelo e neve tardive sull’Italia, tra le più incisive degli ultimi decenni. Abbondanti nevicate si registrarono sul versante adriatico centro-meridionale fin sulle coste, temperature gelide interessarono, invece, tutta la nostra Penisola.

Sono passati esattamente 15 anni dal 7-8 aprile 2003, due giorni davvero eccezionali in quanto si ebbe una delle ondate di gelo e neve più tardive ed incisive degli ultimi decenni sull’Italia. Le nevicate interessarono dapprima il nord-est e poi anche il centro-sud, segnatamente il versante adriatico, con limite ubicato fino alle coste sul nord-est e regioni adriatiche, fino a sfiorare le pianure (200-300 mt) sulle restanti zone del centro-sud. La massa di aria gelida, quindi, entrò in una delle più classiche dinamiche : dalla porta della Bora e fu accompagnata da venti gelidi settentrionali anche molto forti. Le domande possono sorgere spontanee : “Come è venuta a crearsi quest’ondata gelida così intensa per il periodo? Come ha fatto a raggiungere poi anche l’Italia?”

Per rispondere a questi interrogativi vi alleghiamo la cartina modellistica di Reanalisi NCEP, a scala emisferica, indicante la configurazione barica venuta a crearsi il 7 aprile 2003 e anche la relativa cartina modellistica di Reanalisi NCEP, sempre su scala emisferica, indicante il profilo termico a 850 hpa (1450 mt) :

Configurazione barica, su scala emisferica, del 7 aprile 2003. Fonte : NCEP -Meteociel -

Configurazione barica, su scala emisferica, del 7 aprile 2003. Fonte : Reanalisi NCEP -Meteociel -

Distribuzione termica ad 850 hpa (1450 mt) del 7 aprile 2003 .Fonte : Reanalisi NCEP - Meteociel -

Distribuzione termica ad 850 hpa (1450 mt) del 7 aprile 2003 .Fonte : Reanalisi NCEP – Meteociel -

Notiamo, dalle immagini modellistiche, l’estensione di un solido ponte anticiclonico azzorriano dal Basso Atlantico in elevazione verso nord-est fin oltre la Scandinavia (SCAND+) con valori di pressione al suolo fino a 1030 hpa, ponte alto-pressorio che fungeva da blocco al flusso zonale atlantico. Tale configurazione provocò la discesa di una massa di aria gelida artico-continentale in movimento antizonale (da est verso ovest) sull’Europa orientale e sulla nostra Penisola, con valori ad 850 hpa davvero eccezionali per il periodo : isoterme fino -6/-8°C sul nord-est e regioni centro-meridionali adriatiche.

La massa gelida, entrando solo dalla porta della Bora, generò marcata instabilità solo sul nord-est e poi soprattutto sulle regioni centro-meridionali, segnatamente quelle del versante adriatico. Il freddo e il gelo interessarono, invece, tutta l’Italia. Oltre al freddo intenso e alle nevicate, un altro protagonista indiscusso fu il vento dai quadranti settentrionali, con intensità molto forte, fino a sfiorare i 100 km/h. Sull’Appennino centro-meridionale si raggiunsero raffiche fino a 160 km/h, raffiche accompagnate da marcata instabilità, quindi si ebbero delle vere e proprie tormente di neve. Ma non solo, come già detto, la neve tra il 7 e 8 aprile raggiunse anche le coste adriatiche con accumuli notevoli : ben 30 cm si raggiunsero sulla spiaggia di Termoli (CB), ma nevicate abbondanti si registrarono sulle coste dalla Romagna alla Puglia. Si superarono i 5 cm persino nella città di Bari, i 3 cm a Brindisi e Lecce, nevicate consistenti, oltre i 10 cm, si ebbero anche nelle zone interne di Campania e Basilicata fin verso i 300 mt. Si raggiunsero i 19 cm nella città di Potenza.

Ecco come si presentava il lungomare di Bari la mattina di martedì 8 aprile 2003 :

Lungomare di Bari nella mattina di  8 aprile 2003

Lungomare di Bari nella mattina di martedì 8 aprile 2003

Anche dal punto di vista termico furono giornate molto notevoli : già da domenica 6 Aprile 2003 le temperature scesero fino a -12.2°C sul Monte Paganella, in Trentino, e -9.2°C sul Monte Cimone, in Emilia.

Lunedì 7 Aprile 2003 la temperatura crollò fino a -14.4°C sul Monte Paganella e -12.2°C sul Monte Cimone.

Martedì 8 di Aprile si misurarono, al Nord Italia, -17.0°C sul Passo Rolle, -4.8°C a Novara Cameri, -4.9°C alla Malpensa, -4.6°C a Treviso Istriana, -5.7°C all’aeroporto friulano di Ronchi dei Legionari.
Freddo e gelo anche al centro-sud con -3.8°C a Pisa, -3.2°C a Firenze e -5.4°C ad Arezzo, -14.4°C sul Monte Terminillo, nel Lazio, -7.0°C a l’Aquila, -5.0 a Perugia-4.2°C a Campobasso, -3.8°C a Potenza, -1.0°C a Roma. Dalle ore pomeridiane di martedì 8 aprile il tempo migliorò e le temperature risalirono nei valori massimi, difatti la massa gelida cominciò ad allentare la presa sull’Italia, allontanadosi  zonalmente verso i Balcani.

L’ondata gelida, quindi, non ebbe lunga durata, difatti già dal 10 aprile 2003 il centro-sud fu invaso da un richiamo di aria molto mite con temperature fino a +12 a 850hpa con diffusi picchi oltre i +20°C alle basse quote. Fu l’inizio di un prosieguo di primavera decisamente caldo nella seconda parte di aprile e nel mese di maggio, caldo che poi continuò e culminò senza sosta per tutta l’Estate 2003, l’Estate storica e terribile di cui si avrà memoria per sempre.

 

Articolo di Alberto Fucci del 10 Aprile 2018 alle ore 16:54

Altri articoli di approfondimento

Torna l’inverno da martedì: netto calo termico, forti venti, piogge e nevicate in montagna!

I ghiacci artici raggiungono la massima estensione di questo inverno: è la settima più bassa negli ultimi 40 anni!

Giornata dell’acqua: 5 motivi per bere quella del rubinetto

Ciclone tropicale Idai: situazione catastrofica in Mozambico

Quanto inquinano gli smartphone?

Fine settimana anticiclonico: tanto sole, temperature in lieve aumento, ma attenzione!

Freddo in arrivo? No, solo tanta incertezza…

Ascension Island diventa la più grande area marina protetta dell’Oceano Atlantico

Febbraio 2019 più caldo della norma sull’Italia, specie al centro-nord, con precipitazioni scarse!

Economia circolare: i vantaggi sono anche economici

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 25 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Foggia 22°
Ascoli Piceno 21°
Bologna 21°
Modena 21°
Ravenna 21°
Mantova 21°
Ferrara 21°
Lecce 21°
Piacenza 21°
Parma 21°
Le più Fredde
Località T°C
Aosta 12°
Messina 13°
Sondrio 14°
Vibo Valentia 14°
Livorno 14°
Potenza 14°
Ancona 15°
Salerno 15°
Trapani 15°
Bolzano 15°
Domani Martedi 26 Marzo
Le più Calde
Località T°C
Aosta 10°
Siena 10°
Nuoro 10°
Macerata
Fermo
Isernia
Sondrio
Ascoli Piceno
Arezzo
Perugia
Le più Fredde
Località T°C
Rieti 10°
Sassari 11°
Belluno 11°
Cuneo 11°
Viterbo 11°
Pescara 11°
Bolzano 11°
Rimini 12°
Firenze 12°
Prato 12°