Pericolo valanghe in intensificazione nelle prossime ore, massima attenzione sulle Alpi

Estrema attenzione dovrà essere posta nei prossimi giorni su tutto l’arco Alpino dove, a causa di un veloce aumento termico e della presenza di molta neve al suolo, il pericolo valanghe raggiungerà il massimo livello di rischio. 

Dopo due inverni catastrofici dal punto di vista dell’innevamento quest’anno le Alpi stanno vivendo una stagione decisamente ottimale. Pur in un contesto mediamente caldo, una continua alternanza di numerose perturbazione ha garantito il raggiungimento di un manto nevoso oltre il metro in diverse località e fino a 3 metri sulle cime più esposte.

Neve nel Tirolo

Neve nel Tirolo

I dati misurati questa mattina sull’arco alpino mostrano l’altezza del manto nevoso che risulta abbondante praticamente ovunque, prediligendo, come è giusto che sia, i versanti settentrionali.

Altezza manto nevoso misurata nella mattina del 5 gennaio

Altezza manto nevoso misurata nella mattina del 5 gennaio

Questa abbondante quantità di neve sarà però messa in pericolo dall’arrivo di aria più calda sospinta verso nord dai venti di Scirocco che si svilupperanno nei prossimi giorni. La mappa di previsione per la giornata di domani che vi proponiamo di seguito mostra bene la presenza di aria calda in quota (colori giallo-arancioni) con valori di oltre 10°C a circa 1500 metri di quota.

Previsione dell'altezza di geopotenziale e temperatura a circa 1500 metri di quota per la giornata di

Previsione dell’altezza di geopotenziale e temperatura a circa 1500 metri di quota per la giornata di sabato

Uno scenario meteorologico decisamente spiacevole che, tra l’altro, favorirà la formazione del Phön (o Favonio) sui versanti settentrionali delle Alpi, portando un ulteriore riscaldamento dell’aria. 

Per questo motivo nei prossimi giorni il pericolo di valanghe sarà estremamente elevato, specialmente in quelle aree che negli ultimi giorni sono state interessate da ingenti nevicate. La figura sottostante mostra il livello di pericolo, in una scala da 1 a 5, elaborato dall’AINEVA (Associazione Interregionale Neve e Valanghe). Sia sui rilievi occidentali che su quelli orientali il livello di pericolo oscilla tra 3 e 4 ed è destinato ad aumentare nelle prossime ore. 

Pericolo valanghe segnalato da AINEVA

Pericolo valanghe segnalato da AINEVA

Vi raccomandiamo quindi estrema prudenza per quanto concerne escursioni in montagna o visite ai comprensori sciistici, riportandovi i livelli di rischio dal 3 al 5 (per tutte le informazioni vi rimandiamo al sito http://aineva.it/).

MARCATO Il distacco è possibile con debole sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi indicati. In alcune situazioni sono possibili valanghe spontanee di media grandezza e, in singoli casi, anche grandi valanghe. Le possibilità per le gite sciistiche sono limitate ed è richiesta una buona capacità di valutazione locale.
FORTE Il distacco è probabile già con un debole sovraccarico su molti pendii ripidi. In alcune situazioni sono da aspettarsi molte valanghe spontanee di media grandezza e, talvolta, anche grandi valanghe. Le possibilità per gite sciistiche sono fortemente limitate ed è richiesta una grande capacità di valutazione locale.
MOLTO FORTE Sono da aspettarsi molte grandi valanghe spontanee, anche su terreno moderatamente ripido.
Articolo di Guido Cioni del 05 Gennaio 2018 alle ore 11:37

Altri articoli di approfondimento

Metà ottobre “estiva” nel nord Europa, oltre 25 gradi in Norvegia, caldo estremo al polo nord

Weekend in arrivo con tanto sole e caldo anomalo, poi pronti per una ventata d’autunno!

Analisi meteo medio-lungo termine : netto calo termico nell’ultima decade mensile?

Inizio settimana con instabilità a tratti: piogge e nuvole ok, ma le temperature sono alte!

Uragano Leslie pronto all’impatto: Portogallo e Spagna in allerta per le prossime ore!

Meteo Amarcord : l’ondata di freddo e neve di fine Ottobre 1997!

Torna la calma nel weekend: più sole, aria mite e stabilità, ma non durerà molto!

Situazione critica in Sardegna, localmente oltre 200 mm dalla mezzanotte

Giovedì forte maltempo al nord-ovest : nubifragi e accumuli pluviometrici localmente notevoli!

Non resta più molto tempo per salvare il clima, ma in Italia non interessa a nessuno

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Venerdi 19 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Sassari 27°
Oristano 27°
Roma 27°
Pisa 26°
Caserta 26°
Lucca 26°
Terni 26°
Grosseto 25°
Foggia 25°
Latina 25°
Le più Fredde
Località T°C
Enna 18°
Belluno 19°
Potenza 19°
Campobasso 19°
L'aquila 20°
Ragusa 20°
Ancona 20°
Cuneo 20°
Biella 20°
Varese 20°
Domani Sabato 20 Ottobre
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 27°
Caserta 26°
Terni 26°
Roma 26°
Napoli 25°
Pisa 25°
Lucca 25°
Frosinone 25°
Taranto 25°
Oristano 25°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 19°
Campobasso 19°
Belluno 19°
Potenza 19°
Varese 20°
Cuneo 20°
Biella 20°
Ancona 20°
Enna 20°
Lecco 20°