Pericolo valanghe in intensificazione nelle prossime ore, massima attenzione sulle Alpi

Estrema attenzione dovrà essere posta nei prossimi giorni su tutto l’arco Alpino dove, a causa di un veloce aumento termico e della presenza di molta neve al suolo, il pericolo valanghe raggiungerà il massimo livello di rischio. 

Dopo due inverni catastrofici dal punto di vista dell’innevamento quest’anno le Alpi stanno vivendo una stagione decisamente ottimale. Pur in un contesto mediamente caldo, una continua alternanza di numerose perturbazione ha garantito il raggiungimento di un manto nevoso oltre il metro in diverse località e fino a 3 metri sulle cime più esposte.

Neve nel Tirolo

Neve nel Tirolo

I dati misurati questa mattina sull’arco alpino mostrano l’altezza del manto nevoso che risulta abbondante praticamente ovunque, prediligendo, come è giusto che sia, i versanti settentrionali.

Altezza manto nevoso misurata nella mattina del 5 gennaio

Altezza manto nevoso misurata nella mattina del 5 gennaio

Questa abbondante quantità di neve sarà però messa in pericolo dall’arrivo di aria più calda sospinta verso nord dai venti di Scirocco che si svilupperanno nei prossimi giorni. La mappa di previsione per la giornata di domani che vi proponiamo di seguito mostra bene la presenza di aria calda in quota (colori giallo-arancioni) con valori di oltre 10°C a circa 1500 metri di quota.

Previsione dell'altezza di geopotenziale e temperatura a circa 1500 metri di quota per la giornata di

Previsione dell’altezza di geopotenziale e temperatura a circa 1500 metri di quota per la giornata di sabato

Uno scenario meteorologico decisamente spiacevole che, tra l’altro, favorirà la formazione del Phön (o Favonio) sui versanti settentrionali delle Alpi, portando un ulteriore riscaldamento dell’aria. 

Per questo motivo nei prossimi giorni il pericolo di valanghe sarà estremamente elevato, specialmente in quelle aree che negli ultimi giorni sono state interessate da ingenti nevicate. La figura sottostante mostra il livello di pericolo, in una scala da 1 a 5, elaborato dall’AINEVA (Associazione Interregionale Neve e Valanghe). Sia sui rilievi occidentali che su quelli orientali il livello di pericolo oscilla tra 3 e 4 ed è destinato ad aumentare nelle prossime ore. 

Pericolo valanghe segnalato da AINEVA

Pericolo valanghe segnalato da AINEVA

Vi raccomandiamo quindi estrema prudenza per quanto concerne escursioni in montagna o visite ai comprensori sciistici, riportandovi i livelli di rischio dal 3 al 5 (per tutte le informazioni vi rimandiamo al sito http://aineva.it/).

MARCATO Il distacco è possibile con debole sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi indicati. In alcune situazioni sono possibili valanghe spontanee di media grandezza e, in singoli casi, anche grandi valanghe. Le possibilità per le gite sciistiche sono limitate ed è richiesta una buona capacità di valutazione locale.
FORTE Il distacco è probabile già con un debole sovraccarico su molti pendii ripidi. In alcune situazioni sono da aspettarsi molte valanghe spontanee di media grandezza e, talvolta, anche grandi valanghe. Le possibilità per gite sciistiche sono fortemente limitate ed è richiesta una grande capacità di valutazione locale.
MOLTO FORTE Sono da aspettarsi molte grandi valanghe spontanee, anche su terreno moderatamente ripido.
Articolo di Guido Cioni del 05 Gennaio 2018 alle ore 11:37

Altri articoli di approfondimento

Temperature in calo e tempo instabile con piogge e temporali ad inizio settimana!

L’estate è rovente in tutto il pianeta

Temperature attuali sui nostri mari, dai 21 gradi in Sicilia ai 27 gradi nel Tirreno

Focus ondata calda : quali temperature si raggiungeranno nel weekend?

Il sahara punta l’Italia: weekend con tanto sole e caldo africano, temperature fino ai 40°!

Sale il bilancio delle vittime in Giappone, mai piogge così intense

Analisi meteo medio-lungo termine : caldo intenso, poi maltempo?

Non è mai stato così caldo in Africa, nuovo record over 50°C

Settimana di luglio senza eccessi: sole, caldo e temporali diffusi, il weekend ondata africana!

Quando il diavolo ci mette lo zampino

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 16 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 37°
Matera 36°
Oristano 35°
Agrigento 35°
Ragusa 34°
Enna 34°
Palermo 34°
Frosinone 33°
Sassari 33°
Ascoli Piceno 33°
Le più Fredde
Località T°C
Biella 24°
Belluno 24°
Savona 24°
Aosta 25°
Varese 25°
Genova 25°
Vibo Valentia 25°
Sondrio 25°
Cuneo 26°
Lecco 26°
Domani Martedi 17 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 36°
Catania 33°
Agrigento 33°
Foggia 32°
Alessandria 31°
Matera 31°
Piacenza 31°
Bologna 31°
Pavia 31°
Lecce 31°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 24°
Aosta 25°
Ancona 25°
Fermo 25°
Vibo Valentia 26°
Belluno 26°
Chieti 26°
Campobasso 26°
Sondrio 26°
Trapani 26°