Ophelia, l’uragano che si dirige verso l’Europa

Osservando l’immagine satellitare acquisita nella giornata di ieri, martedì 10 ottobre, non si riescono a scorgere particolari formazioni nuvolose sull’Atlantico se non per un isolato groviglio di nubi che assume una forma particolarmente nota. 

Immagine satellitare del comparto Europeo acquisita dallo strumento SEVIRI il 10 ottobre

Immagine satellitare del comparto Europeo acquisita dallo strumento SEVIRI il 10 ottobre

I corpi nuvolosi formano infatti un vortice simile a quello osservato negli uragani che siamo abituati a vedere dall’altra parte dell’Atlantico. E di Uragano in effetti si tratta, almeno stando ai dati raccolti nelle ultime ore.

Ofelia, questo è il nome assegnato dall’istituto statunitense NOAA, si è evoluto da un semplice ammasso di temporali ad una struttura organizzata con un minimo di pressione prossimo a 995 hPa e raffiche (stimate) fino a 120 km/h. L’immagine satellitare acquisita nel tardo pomeriggio di martedì mostra la presenza di un occhio centrale.

Immagine satellitare di Ophelia acquisita dallo strumento modis nella giornata di martedì

Immagine satellitare di Ophelia acquisita dallo strumento modis nella giornata di martedì

Ma perché ci interessa così tanto lo stato di un uragano nel bel mezzo dell’Atlantico? 

In realtà Ophelia non é cosi “lontana” dall’Europa, almeno meteorologicamente parlando. L’uragano, formatosi al di fuori della fascia tropicale, si muove molto vicino alla corrente a getto, un fiume di aria fredda che scorre in alta quota a velocità elevate e “trasporta” le depressioni verso est. Nei prossimi giorni il ramo della corrente a getto che scorre su questa parte dell’atlantico tenderà ad approfondirsi verso sud per ripiegare successivamente verso nord, un effetto dovuto alla presenza di una vasta area di alta pressione sull’Europa. Ophelia sarà quindi “agganciata” da questa corrente e trasportata verso l’Europa, come mostrato dall’animazione sottostante dove vengono riportati la pressione al suolo e le raffiche di vento previste per i prossimi 7 giorni.

Animazione delle previsioni dal modello globale ICON-EU per la pressione al suolo e le raffiche di vento

Secondo queste previsioni Ophelia sarà ancora soggetta ad un ciclo di intensificazione che potrebbe portarla verso un uragano di categoria 1-2 prima di dirigersi verso le coste del Portogallo con raffiche fino a 150 km/h. L’immagine sottostante mostra come, alla vigilia del 16 ottobre, Ophelia potrebbe trovarsi pericolosamente vicina alle coste della penisola iberica.

Previsione della pressione al suolo e delle raffiche di vento secondo il modello europeo ICON-EU

Previsione della pressione al suolo e delle raffiche di vento secondo il modello europeo ICON-EU

L’evoluzione, tuttavia, è ancora incerta, soprattutto per quanto riguarda la traiettoria intrapresa dall’uragano. In questo senso sarà molto importante seguire l’evoluzione dell’alta pressione sul continente europeo che condizionerà la posizione della corrente a getto ed il conseguente trasporto della massa di aria calda ed umida costituita dal sistema tropicale.

Previsioni delle traiettorie dal modello GEFS

Previsioni delle traiettorie dal modello GEFS

Articolo di Guido Cioni del 11 Ottobre 2017 alle ore 14:21

Altri articoli di approfondimento

Temperature in calo e tempo instabile con piogge e temporali ad inizio settimana!

L’estate è rovente in tutto il pianeta

Temperature attuali sui nostri mari, dai 21 gradi in Sicilia ai 27 gradi nel Tirreno

Focus ondata calda : quali temperature si raggiungeranno nel weekend?

Il sahara punta l’Italia: weekend con tanto sole e caldo africano, temperature fino ai 40°!

Sale il bilancio delle vittime in Giappone, mai piogge così intense

Analisi meteo medio-lungo termine : caldo intenso, poi maltempo?

Non è mai stato così caldo in Africa, nuovo record over 50°C

Settimana di luglio senza eccessi: sole, caldo e temporali diffusi, il weekend ondata africana!

Quando il diavolo ci mette lo zampino

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 16 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Foggia 37°
Matera 36°
Oristano 35°
Agrigento 35°
Ragusa 34°
Enna 34°
Palermo 34°
Frosinone 33°
Sassari 33°
Ascoli Piceno 33°
Le più Fredde
Località T°C
Biella 24°
Belluno 24°
Savona 24°
Aosta 25°
Varese 25°
Genova 25°
Vibo Valentia 25°
Sondrio 25°
Cuneo 26°
Lecco 26°
Domani Martedi 17 Luglio
Le più Calde
Località T°C
Siracusa 36°
Catania 33°
Agrigento 33°
Foggia 32°
Alessandria 31°
Matera 31°
Piacenza 31°
Bologna 31°
Pavia 31°
Lecce 31°
Le più Fredde
Località T°C
L'aquila 24°
Aosta 25°
Ancona 25°
Fermo 25°
Vibo Valentia 26°
Belluno 26°
Chieti 26°
Campobasso 26°
Sondrio 26°
Trapani 26°