Oltre 250mm di pioggia e 80.000 scariche, tutti i numeri del nubifragio di Livorno

Le province di Livorno e Pisa sono state investite nella notte tra sabato e domenica da un temporale particolarmente intenso che in poche ore ha causato alluvioni, disagi e 6 vittime.

Allagamenti a Livorno

Allagamenti a Livorno

In questo caso la parola “eccezionale” è assolutamente appropriata visti i quantitativi di precipitazione accumulati nel giro di poche ore. La tabella sottostante mostra i dati provenienti dal centro funzionale e relativi alle ultime 36 ore che possono essere direttamente associati al temporale verificatosi nella notte tra il 9 ed il 10 settembre. Notate gli oltre 250 mm caduti alla stazione di Valle Benedetta (LI) ed i “soli” 150 mm nella provincia di Pisa.

Stazione Provincia Pioggia accumulata 36 ore
Valle Benedetta LI 281.6
Quercianella LI 245.2
Collesalvetti LI 189.4
Orciatico PI 154.2
Castellina Marittima PI 152.0
Capannoli PI 139.2
Santermo PI 136.8
Siberia PI 130.8
Miemo PI 130.0
Terricciola PI 128.4
Volterra PI 127.4
Montecatini V. Cecina PI 127.2
Montopoli PI 127.0
S. Miniato (Cimitero) PI 124.4
S. Luce PI 122.2
Sassa PI 120.4
Legoli PI 115.0
Fornacino PI 114.2
Vaiano acquedotto PO 109.8
S. Miniato Poggio al Pino PI 109.4
Monteboro FI 108.4
Empoli FI 104.6
Sassetta LI 104.6
Artimino PO 102.6

Quello che ancora stupisce guardando questi dati è l’estrema localizzazione dei fenomeni, caratteristica che si nota ancora meglio analizzando la mappa delle precipitazioni accumulate mostrata di seguito. In questa i dati mostrati prima vengono rappresentati su una mappa della regione Toscana; la scala di colori permette di identificare accumuli rilevanti (colori giallo-rosso-marroni) da normali piogge (colori azzurro-blu).

Precipitazione accumulata in Toscana nelle ultime 24 ore

Precipitazione accumulata in Toscana nelle ultime 24 ore

Notate la macchia rosso-marrone presente proprio sulla provincia di Livorno che sottolinea ancora una volta come il temporale abbia insistito su un’area estremamente limitata per ore. Basta allontanarsi di poche decine di chilometri per trovare accumuli molto più bassi. 

La serie temporale delle precipitazioni misurate nella stazione di Quercianella, sempre in provincia di Livorno, permette di notare come il sistema abbia scaricato praticamente tutte le precipitazioni in poco più di 2 ore. Un valore impressionante se si pensa che per questa area 250 mm rappresentano circa un terzo del quantitativo di pioggia atteso per un anno. 

Serie temporale della precipitazione a Quercianella, Livorno

Serie temporale della precipitazione a Quercianella, Livorno

Le animazioni delle immagini satellitari permette di verificare come il sistema temporalesco sia rimasto pressoché stazionario sulla stessa area per 2 ore.

Animazione immagini satellitari nel canale dell’infrarosso

Una caratteristica evidente anche dalle tracce lasciate dalle fulminazioni rilevate ogni 5 minuti e riportate nella seconda animazione che vi mostriamo di seguito.

Animazione fulminazioni

In totale sono state rilevate oltre 80.000 scariche su questa area.

Nonostante sia difficile al momento capire cosa abbia veramente causato la stazionarietà del temporale, una delle principali cause sembra essere una convergenza tra i venti di Scirocco provenienti dal Tirreno ed un debole Libeccio che si è sviluppata proprio sulle coste toscane. Dati questi ingredienti la maggior parte dei modelli aveva individuato un potenziale rischio per la formazione di temporale intensi anche se la localizzazione precisa del singolo temporale non era stata data con precisione.

Un motivo in più per richiamare l’attenzione sull’importante ruolo della prevenzione. I modelli possono infatti fornirci un margine di rischio ma non prevedere con assoluta precisione dove un temporale colpirà. Occorre seguire le allerte della protezione civile anche in caso di pericolo non imminente: meglio prevenire che curare.

Articolo di Guido Cioni del 11 Settembre 2017 alle ore 16:52

Altri articoli di approfondimento

Anche con il riscaldamento globale le estati sarebbero più fresche, se non fosse per la deforestazione…

Cella delle latitudini medie e polari : influenze meteo-climatiche

Sole, Nebbie e piccoli Aumenti termici: Settimana italiana più soft!

“Uragani” mediterranei: cosa sono in realtà e come si formano

Perchè nelle zone equatoriali piove tantissimo? La risposta è nell’ITCZ!

L’insidioso ciclone “Numa” lambisce le coste pugliesi [IMMAGINI]

Neve, Sole, Pioggia, Nuvole, avremo tutto: Weekend tutto fare!

Piogge intense ed allagamenti sulle costa Abruzzese. LE IMMAGINI

Circolazione Generale dell’Atmosfera : Cella di Hadley ed influenze meteo-climatiche

Alla scoperta della “Convezione”, il motore naturale che fa muovere l’aria verticalmente!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 23 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Belluno 10°
Cuneo 10°
Trapani 19°
Palermo 19°
Oristano 19°
Roma 19°
Foggia 18°
Siracusa 18°
Catania 18°
Grosseto 18°
Le più Fredde
Località T°C
Biella 10°
Torino 10°
Varese 11°
Sondrio 12°
Udine 12°
Gorizia 12°
Asti 12°
Pordenone 13°
Alessandria 13°
Bergamo 13°
Domani Venerdi 24 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Torino 10°
Cuneo 10°
Roma 19°
Palermo 19°
Agrigento 18°
Trapani 18°
Grosseto 18°
Salerno 18°
Siracusa 18°
Foggia 18°
Le più Fredde
Località T°C
Novara 10°
Milano 11°
Vercelli 11°
Biella 11°
Asti 11°
Belluno 11°
Alessandria 11°
Varese 11°
Pavia 12°
Lodi 12°