La devastazione lasciata dall’uragano Irma, ora punta verso gli stati uniti

Poche settimane dopo Harvey, l’uragano che ha scaricato più di 1000 mm in pochi giorni nelle vicinanze di Houston, un nuovo ciclone tropicale ha seguito una traiettoria molto simile, arrivando velocemente verso i Caraibi. Si tratta di Irma, uragano di categoria 5 che si è lasciato dietro una scia di morte e distruzione.

Immagine satellitare notturna dell'uragano Irma

Immagine satellitare notturna dell’uragano Irma

L’immagine satellitare mostrata precedentemente è stata acquisita di notte ormai qualche giorno fa e mostra Irma con l’isola di Puerto Rico, accesa dalle luci delle città. Nel giro di pochi giorni Irma ha raggiunto la massima intensità (uragano di categoria 5 su 5) mantenendo lo stesso stato per poco più di un giorno e mezzo, portandosi al 7° posto nella classifica di uragani rimasti in questo stato per più di 6 ore.

Le immagini che ci arrivano invece dal centro del sistema tropicale, scattate dagli intrepidi “Hurricane Hunters”, mostrano le “pareti” dell’occhio centrale, privo di copertura nuvolosa. La calma che regna in questa zona è quasi irreale, come mostrato anche dal video condiviso dagli stessi Hurricane Hunters.

Fotografia dentro all'occhio dell'uragano Irma

Fotografia dentro all’occhio dell’uragano Irma

Sfortunatamente sul percorso di Irma si sono trovate numerose isole dove l’uragano si è abbattuto portando raffiche di vento oltre 250 km/h e piogge torrenziali. È questo il caso dell’isola di St. Marteen, nelle Antille francesi, famosa per l’aeroporto dalla pista costruita praticamente sulla spiaggia. Al momento si contano già ben 10 vittime, anche se il numero è quasi sicuramente destinato a salire.

La distruzione lasciata dall'uragano Irma sull'isola di St. Marteen, nelle Antille francesi

La distruzione lasciata dall’uragano Irma sull’isola di St. Marteen, nelle Antille francesi

I voli di ricognizione effettuati dai “cacciatori di uragani” mostrano oggi un sistema con un minimo di pressione piuttosto intenso stimato intorno ai 920 hPa, come mostrato dall’immagine sottostante. Notate anche la rotazione dei venti nei pressi dell’occhio.

Dati ottenuti dalle missioni degli "Hurricane Hunters" in volo dentro all'uragano Irma

Dati ottenuti dalle missioni degli “Hurricane Hunters” in volo dentro all’uragano Irma

Purtroppo le notizie per il futuro non sono rosee. Irma non si sta infatti solo dirigendo verso la Florida ma anche, e soprattutto, verso un’area caratterizzata da temperature superficiali marine molto alte, come mostrato dall’immagine sottostante. Acque calde favoriscono infatti il mantenimento dei cicloni tropicali che sfruttano il serbatoio di energia fornito dai flussi di calore alla superficie.

Traiettoria intrapresa dall'uragano Irma e temperature superficiali del mare

Traiettoria intrapresa dall’uragano Irma e temperature superficiali del mare

Nelle prossime 72 ore Irma arriverà nei pressi della Florida, stando ai risultati delle ultime proiezioni modellistiche mostrate nella figura sottostante.

Traiettorie dell'uragano Irma secondo numerosi modelli di proiezione

Traiettorie dell’uragano Irma secondo numerosi modelli di proiezione

Da notare che la maggior parte delle previsioni individuano una traiettoria che manterrebbe il sistema ad est della penisola. Tuttavia questo non farebbe altro che aumentare l’incidenza dei danni data da una parte la potenziale intensificazione del sistema tropicale, ad opera di acque ancora più calde, e dall’altra l’estrema vicinanza alle coste.

Articolo di Guido Cioni del 08 Settembre 2017 alle ore 00:00

Altri articoli di approfondimento

Anche con il riscaldamento globale le estati sarebbero più fresche, se non fosse per la deforestazione…

Cella delle latitudini medie e polari : influenze meteo-climatiche

Sole, Nebbie e piccoli Aumenti termici: Settimana italiana più soft!

“Uragani” mediterranei: cosa sono in realtà e come si formano

Perchè nelle zone equatoriali piove tantissimo? La risposta è nell’ITCZ!

L’insidioso ciclone “Numa” lambisce le coste pugliesi [IMMAGINI]

Neve, Sole, Pioggia, Nuvole, avremo tutto: Weekend tutto fare!

Piogge intense ed allagamenti sulle costa Abruzzese. LE IMMAGINI

Circolazione Generale dell’Atmosfera : Cella di Hadley ed influenze meteo-climatiche

Alla scoperta della “Convezione”, il motore naturale che fa muovere l’aria verticalmente!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Giovedi 23 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Belluno 10°
Cuneo 10°
Trapani 19°
Palermo 19°
Oristano 19°
Roma 19°
Foggia 18°
Siracusa 18°
Catania 18°
Grosseto 18°
Le più Fredde
Località T°C
Biella 10°
Torino 10°
Varese 11°
Sondrio 12°
Udine 12°
Gorizia 12°
Asti 12°
Pordenone 13°
Alessandria 13°
Bergamo 13°
Domani Venerdi 24 Novembre
Le più Calde
Località T°C
Torino 10°
Cuneo 10°
Roma 19°
Palermo 19°
Agrigento 18°
Trapani 18°
Grosseto 18°
Salerno 18°
Siracusa 18°
Foggia 18°
Le più Fredde
Località T°C
Novara 10°
Milano 11°
Vercelli 11°
Biella 11°
Asti 11°
Belluno 11°
Alessandria 11°
Varese 11°
Pavia 12°
Lodi 12°