Riscaldamento globale, a cambiare non sono solo le temperature medie

 Il clima sta cambiando, questo è un dato di fatto condiviso dalla quasi totale maggioranza degli scienziati. Il problema è definire in che misura questo cambierà negli anni a venire. Le previsioni dei modelli climatici indicano infatti un intervallo piuttosto ampio entro il quale potranno collocarsi le temperature del nostro pianeta, rivelando scenari apocalittici ed altri molto simili a quello attuale. 

Cosa succede invece se si analizzano le temperature osservate dagli anni ’50 ad oggi? Sappiamo che la temperatura media aumenta in modo pressoché monotono. Più interessante é invece l’andamento descritto dall’intera distribuzione delle temperature e non solo dalla media.

Ci spieghiamo meglio.

Partendo da un valore di temperatura misurato in un certo luogo della terra è possibile ottenere un grafico che descriva l’andamento delle temperature in funzione del tempo. Tuttavia, invece di creare un grafico dove sull’asse orizzontale viene riportato il tempo, è possibile graficare le temperature in funzione della loro occorrenza, ovvero di quante volte sono state osservate. Sappiamo infatti che, come gran parte delle variabili fisiche, le temperature osservate in una determinata località seguono una curva “a campana”. Al centro della curva vi sono le temperature osservate più di frequente (la media) mentre allontanandosi verso sinistra o destra  la probabilità di osservare quel valore diminuisce progressivamente.

Schema della distribuzione di probabilità per la temperatura

Schema della distribuzione di probabilità per la temperatura

Negli ultimi anni non solo la distribuzione delle temperature sulla terra si è spostata verso destra, ad indicare una media sempre più alta, ma la sua forma si è progressivamente modificata, come mostrato dall’animazione sottostante.

Animazione che mostra lo spostamento della distribuzione che descrive le temperature medie del pianeta

Animazione che mostra lo spostamento della distribuzione che descrive le temperature medie del pianeta

Per capire l’importanza di questo fenomeno occorre notare come la nostra esperienza giorno per giorno non sia relazionata tanto alla media quanto alla variabilità e ai fenomeni estremi. In altre parole, mentre una pesante ondata di caldo (o freddo) ci resterà impressa in memoria sarà difficile dire se un anno è risultato più caldo o più freddo del normale.

E qui entra in gioco la distribuzione mostrata prima. Mentre la variabilità viene descritta da quanto la “campana” si allarga o si restringe, i fenomeni estremi (ondate di calore o gelo, temporali…) si trovano proprio nelle code della distribuzione. Code che iniziano ad essere sempre più importanti, visto il progressivo “appiattimento” della distribuzione. Ecco quindi spiegata la sempre maggiore occorrenza di ondate di calore in estate, fatto che appare ancora più evidente se si considera la variazione della stessa curva riferita ai soli mesi estivi (immagine sottostante).

Distribuzione delle temperature medie relative alla stagione estiva

Distribuzione delle temperature medie relative alla stagione estiva

Notate come, nel grafico precedente, la probabilità di fenomeni estremamente caldi aumenti da 0 ad oltre il 14%. Per quanto riguarda, invece, l’inverno il segnale di riscaldamento appare più debole, pur essendo comunque presente.

Distribuzione delle temperature medie relative alla stagione invernale

Distribuzione delle temperature medie relative alla stagione invernale

Articolo di Guido Cioni del 01 Agosto 2017 alle ore 18:25

Altri articoli di approfondimento

Rinfrescata in arrivo, ma il resto del mese sarà più caldo del normale

Luglio chiude ben oltre la media, e l’inizio di Agosto non è da meno…

Quando le nuvole toccano i 70 sotto zero (son problemi)

Scienza o politica? Climatologi vs Trump

Temperature giù a partire da giovedì, più tardi anche per il sud. Tutti i dettagli

Temporali anche intensi nel tardo pomeriggio-serata di domenica

Mediterraneo “bollente”, temperature superficiali oltre i 30°C anche sulle nostre coste

A quando la fine del caldo “africano”? Ultimi aggiornamenti poco incoraggianti

Nottate “tropicali”, soprattutto nei centri urbani

Riscaldamento globale, a cambiare non sono solo le temperature medie

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Domenica 20 Agosto
Le più Calde
Località T°C
Matera 35°
Foggia 35°
Grosseto 34°
Palermo 33°
Agrigento 33°
Ragusa 33°
Bari 32°
Lecce 32°
Siracusa 32°
Roma 32°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 23°
Aosta 24°
Sondrio 24°
Cuneo 24°
Biella 24°
Lecco 25°
Varese 25°
Rimini 25°
Bolzano 25°
Bergamo 25°
Domani Lunedi 21 Agosto
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 34°
Roma 33°
Oristano 33°
Grosseto 32°
Napoli 31°
Latina 31°
Caserta 31°
Taranto 31°
Sassari 31°
Foggia 30°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 22°
L'aquila 23°
Varese 24°
Sondrio 24°
Biella 24°
Lecco 24°
Trento 24°
Campobasso 24°
Potenza 25°
Como 25°