Pomeriggio temporalesco sul crinale appenninico: oltre 10000 scariche registrate

Qualche borbottio in lontananza, il cielo velocemente si annuvola, improvvisamente un breve ma intenso scroscio di pioggia e grandine. Questo è lo scenario verificatosi in molte zone a ridosso della catena appenninica ed alpina nella giornata di ieri, 11 aprile. 

L’approssimarsi di un fronte di aria fredda proveniente dal centro Europa ha infatti prodotto le situazioni ideali per l’innesco di numerose celle temporalesche ci sono formate a partire dal primo pomeriggio sul crinale appenninico ed alpino andando successivamente ad interessare le zone di pianura soprattutto in Emilia-Romagna. L’animazione delle fulminazioni rilevate nell’intera giornata di ieri permette di seguire efficacemente lo sviluppo ed il movimento delle diverse celle temporalesche.

Animazione fulminazioni rilevate nella giornata del 11 aprile

Animazione fulminazioni rilevate nella giornata del 11 aprile

L’animazione delle immagini satellitari acquisite nella stessa giornata permette invece di identificare l’arrivo del fronte di aria fredda che supera le Alpi e causa lo sviluppo delle prime celle temporalesche.

Animazione immagini satellitari

Il fermo immagine del satellite relativo alle 17:30 mostra bene l’estensione verticale delle nubi temporalesche presenti sull’Appennino che appaiono con tonalità bianche accese.

Immagine satellitare acquisita nel tardo pomeriggio che mostra la posizione dei temporali

Immagine satellitare acquisita nel tardo pomeriggio che mostra la posizione dei temporali

Come già accennato i temporali si sono sviluppati dapprima in montagna, spostandosi successivamente verso la pianura. Per quanto riguarda l’Appennino tosco-emiliano  si tratta di un meccanismo ben conosciuto che sfrutta l’effetto combinato della brezza marina proveniente dall’Adriatico e dalle raffiche che si sviluppano alla base dei temporali a causa delle forti precipitazioni che trascinano l’aria fredda verso il basso. L’incontro tra queste due correnti causa l’innesco di nuove celle temporalesche che non sono necessariamente legate al temporale iniziale, pur essendo aiutate da esso nella formazione.

Composito venti

Composito venti

È questo il caso del temporale che ha interessato Bologna e la Romagna nel tardo pomeriggio raffigurato nelle immagini sottostanti.

Dettaglio del temporale sviluppatosi l'11 aprile nei pressi di Medicina (BO). Foto di Gianfranco Cavarra

Dettaglio del temporale sviluppatosi l’11 aprile nei pressi di Medicina (BO). Foto di Gianfranco Cavarra

Dettaglio del temporale sviluppatosi l'11 aprile nei pressi di Medicina (BO). Foto di Gianfranco Cavarra

Dettaglio del temporale sviluppatosi l’11 aprile nei pressi di Medicina (BO). Foto di Gianfranco Cavarra

Diversa è invece la storia del temporale che nel pomeriggio ha dato spettacolo sulla Lombardia essendo visibile anche da Milano, come mostrano le immagini sottostanti. In questo caso il sistema si è formato sulle prealpi e successivamente spostato verso la pianura.

La parte superiore della nube temporalesca con virghe e mammatus vista da Milano

La parte superiore della nube temporalesca con virghe e mammatus vista da Milano

La parte superiore della nube temporalesca con virghe e mammatus vista da Milano

La parte superiore della nube temporalesca con virghe e mammatus vista da Milano

La parte superiore della nube temporalesca con virghe e mammatus vista da Milano

La parte superiore della nube temporalesca con virghe e mammatus vista da Milano

Articolo di Guido Cioni del 12 Aprile 2017 alle ore 12:16

Altri articoli di approfondimento

Rinfrescata in arrivo, ma il resto del mese sarà più caldo del normale

Luglio chiude ben oltre la media, e l’inizio di Agosto non è da meno…

Quando le nuvole toccano i 70 sotto zero (son problemi)

Scienza o politica? Climatologi vs Trump

Temperature giù a partire da giovedì, più tardi anche per il sud. Tutti i dettagli

Temporali anche intensi nel tardo pomeriggio-serata di domenica

Mediterraneo “bollente”, temperature superficiali oltre i 30°C anche sulle nostre coste

A quando la fine del caldo “africano”? Ultimi aggiornamenti poco incoraggianti

Nottate “tropicali”, soprattutto nei centri urbani

Riscaldamento globale, a cambiare non sono solo le temperature medie

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Lunedi 21 Agosto
Le più Calde
Località T°C
Agrigento 33°
Roma 33°
Oristano 33°
Grosseto 32°
Latina 31°
Napoli 30°
Sassari 30°
Caserta 30°
Frosinone 30°
Alessandria 30°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 22°
L'aquila 22°
Varese 23°
Sondrio 23°
Biella 24°
Campobasso 24°
Lecco 24°
Trento 24°
Potenza 24°
Como 24°
Domani Martedi 22 Agosto
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 32°
Sassari 32°
Bologna 31°
Agrigento 30°
Napoli 30°
Caserta 30°
Ferrara 30°
Catanzaro 30°
Mantova 30°
Modena 30°
Le più Fredde
Località T°C
Belluno 23°
L'aquila 23°
Campobasso 23°
Potenza 23°
Savona 24°
Sondrio 24°
Ancona 24°
Genova 24°
Varese 24°
Trento 25°