Copertura nevosa in aumento sul continente europeo, quali le conseguenze?

Può la neve portare bel tempo e proteggerci dalle perturbazioni atlantiche? 

Mettendo a confronto la copertura nevosa osservata da satellite in Europa si rimane particolarmente colpiti dal cambiamento avvenuto in poco più di una settimana, specialmente sui Balcani, centro-Europa e regioni del Mediterraneo orientale.

Copertura nevosa europea a confronto tra 3 diverse date: 31 dicembre, 3 gennaio e 8 gennaio dopo le ingenti nevicate che hanno interessato l'Europa centro-orientale

Copertura nevosa europea a confronto tra 3 diverse date: 31 dicembre, 3 gennaio e 8 gennaio dopo le ingenti nevicate che hanno interessato l’Europa centro-orientale. Il colore bianco indica la presenza di neve, quello azzurro i ghiacci mentre verde e blu corrispondono a terreno privo di neve e mare. 

Aree che prima erano quasi completamente prive di copertura nevosa, tra le quali si annoverano anche le nostre regioni meridionali, sono ora interamente coperte da neve. La cosa sorprendente che vale la pena notare è come molte di queste regioni (ad es. Grecia, Cipro o le regioni adriatiche della nostra penisola) non siano abituate a temperature così rigide e nevicate così intense, o almeno non per un periodo così prolungato.

Differenza nella copertura nevosa prima e dopo le ingenti nevicate che hanno interessato il Mediterraneo

Differenza nella copertura nevosa prima e dopo le ingenti nevicate che hanno interessato il Mediterraneo

 

Se si poi considera la situazione nel complesso sull’intero continente europeo e russo è possibile concludere come più della metà di questa area sia coperta da neve o da ghiacci.

Ma quali saranno le conseguenze a breve-medio termine di questa copertura nevosa più estesa del normale? 

La neve, a causa del suo colore bianco, tende a riflettere gran parte della radiazione sia nello spettro dell’infrarosso (ovvero quelle lunghezze d’onda caratteristiche di corpi caldi come la terra) che in quello dell’ultravioletto (o in generale quelle lunghezze d’onda corte associate a corpi molto caldi come il sole). Questo comporta un maggiore isolamento del terreno, che mantiene la sua temperatura più a lungo, ed un maggiore raffreddamento dell’aria a contatto con il terreno.

Tale raffreddamento induce, tra le altre cose, un aumento della densità dell’aria a contatto con la superficie: aria fredda e secca risulta infatti più pesante di quella calda ed umida che, come ben sappiamo, tende a salire più facilmente verso l’alto. L’aria fredda si accumula vicino alla superficie e difficilmente può essere “spazzata” via, proprio a causa della sua pesantezza, a meno dell’intervento di venti generati da una bassa pressione di passaggio. In questo modo si forma quello che in gergo viene chiamato “anticiclone termico” ovvero un’area di alta pressione dove l’aria è molto pesante e stabile. È proprio questa la situazione che si può osservare nella mappa sottostante dove sono riportate le temperature minime misurate lo scorso 8 gennaio e la pressione al suolo.

Temperature minime e  pressione riportata al livello del mare misurati l'8 gennaio

Temperature minime e pressione riportata al livello del mare misurati l’8 gennaio

Osservate il campo di alta pressione (H) esteso dall’Europa orientale fino agli Urali con valori di oltre 1030 hPa che si sovrappone quasi perfettamente con le minime più basse fino a -41°C.

Questo “muro” naturale tende quindi a proteggere l’Europa dalle perturbazioni provenienti dall’Atlantico (T nella figura sottostante) che cercano di avanzare sempre più verso est, scalzando pian piano l’aria fredda accumulata nei bassi strati atmosferici.

Temperature minime e  pressione riportata al livello del mare misurati l'11 gennaio

Temperature minime e pressione riportata al livello del mare misurati l’11 gennaio

Chi la spunterà? Non resta che aspettare e vedere…

Articolo di Guido Cioni del 11 Gennaio 2017 alle ore 17:01

Altri articoli di approfondimento

Perché i temporali portano freddo…anche senza pioggia?

Settimana col dubbio: pieno Anticiclone o temporali?

Pomeriggio temporalesco in centro Europa, Germania fa il pieno di fulmini, grandine e piogge

Arriva il Weekend: l’Anticiclone domina? No, cambiamento in arrivo!

Il caldo arriva anche al nord Italia (ed in centro Europa), massime verso i 28°C

Pro e contro dell’adozione delle “Green Technologies”.

Ultimi giorni temporaleschi in Europa, oltre 400.000 fulminazioni rilevate

Boom di caldo in settimana: tanto sole ma occhio ai temporali pomeridiani!

Inseminazione di aerosol nella stratosfera per combattere il Global Warming.

Non tutte le isole sono fatte di terra, qualcuna è di plastica!

Flash News

» Satelliti Meteo
» Mappe Meteo
» Radar Meteo
» Fulmini
» Terremoti

Scarica le App Meteo In Diretta

Le città più calde e più fredde in Italia

Oggi Mercoledi 24 Maggio
Le più Calde
Località T°C
Milano 30°
Vercelli 30°
Novara 30°
Pavia 30°
Alessandria 29°
Ferrara 29°
Rovigo 29°
Piacenza 29°
Lodi 29°
Como 29°
Le più Fredde
Località T°C
Ancona 19°
Cagliari 19°
Trapani 19°
Livorno 19°
Vibo Valentia 20°
Messina 20°
Crotone 20°
Potenza 21°
Genova 21°
Cosenza 21°
Domani Giovedi 25 Maggio
Le più Calde
Località T°C
Grosseto 29°
Vercelli 29°
Novara 29°
Pavia 29°
Milano 29°
Alessandria 28°
Piacenza 28°
Lodi 28°
Torino 28°
Como 28°
Le più Fredde
Località T°C
Ancona 18°
Potenza 18°
Campobasso 19°
Pescara 20°
L'aquila 20°
Cagliari 20°
Salerno 20°
Brindisi 21°
Isernia 21°
Vibo Valentia 21°